Per nessun altro…

l'unico Blog ufficiale di Gabriele La Porta

Per nessun altro, amore, avrei spezzato
questo beato sogno.
Buon tema per la ragione,
troppo forte per la fantasia.
Sei stata saggia a svegliarmi. E tuttavia
tu non spezzi il mio sogno, lo prolunghi.
Tu così vera che pensarti basta
per fare veri i sogni e storia le favole.
Entra tra queste braccia. Se ti sembrò
più giusto per me non sognare tutto il sogno,
ora viviamo il resto.

Come un lampo o un bagliore di candela
i tuoi occhi, non già il rumore, mi destarono.
Così (poichè tu ami il vero)
io ti credetti sulle prime un angelo.
Ma quando vidi che mi vedevi in cuore,
che conoscevi i miei pensieri meglio di un angelo,
quando interpretasti il sogno, sapendo
che la troppa gioia mi avrebbe destato
e venisti, devo confessare
che sarebbe stato sacrilegio crederti altro da te.

Il venire, il restare ti rivelò: tu sola.
Ma ora…

View original post 69 altre parole

Annunci
Pubblicato in Il senso della vita | Lascia un commento

Il canto della vita – Nascita

Il bambino chiama la mamma
e domanda: «Da dove sono venuto?
Dove mi hai trovato e raccolto?»
La mamma ascolta,
piange e sorride mentre stringe
al petto il suo bambino:
«Eri un desiderio
dentro il cuore!»

«Eri nel gioco il mio balocco,
all’aurora, al tempo della preghiera,
ti ho sfatto e rifatto.
Tu eri davanti a Dio
sul trono dell’adorazione:
nella sua adorazione
ti ho adorato!»
«Nelle speranze della mia vita,
in tutti i miei amori,
nella vita dei miei antenati,
nella nostra casa antica,
nessuno sa
quanto tempo fosti nascosto
nel seno di Dio.»
«Quando il cuore nella giovinezza
si aprì in fiore,
t’univi come fragranza
stretto insieme
alle mie tenere membra,
spargendo grazia
con la tua tenerezza.»
«Caro tesoro di tutti gli dei
tu sei più antico dell’eternità,
della stessa età
della luce dell’aurora:
dai sogni dell’universo
sei arrivato nuovo
in un’onda di gioia a riempire
di gaudio il mio cuore.»
«Con occhi fissi ti guardo:
non comprendo il tuo mistero!
Eri di tutti, sei diventato mio.
In quel corpo baciando questo corpo,
diventato bimbo della mamma,
ti sei fatto vedere mentre sorridi
dolcemente in questo mondo.»
«Per paura di perderti
desidero legarti al petto:
se t’allontani un poco
m’immergo nel pianto.
Non so quale illusione spezzare
per tenermi legato il tesoro
dell’universo nascosto dentro
queste mie due deboli braccia.»

Rabindranath Tagore da Sissu

 

Pubblicato in amore, dono, Il senso della vita | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Stima

Vi è nella sete di stima un desiderio di esistere non attraverso l’affermazione vitale di se stessi, ma attraverso la grazia del riconoscimento altrui.

Paul Ricoeur, “Parcours de la reconnaissance. Trois études, 2004”

 

 

Pubblicato in amore, dono, Il senso della vita, reciprocità | Contrassegnato , , | Lascia un commento

i “fondamentali”

… perché così non saremo uno,

soli, sotto il tacco del potere,

ma noi, tutti, un uno plurimo

che cantiamo la gioia

di essere uomini.

A. Manzi, 11/06/83

Pubblicato in Il senso della vita | Lascia un commento

La pena d’amore

l'unico Blog ufficiale di Gabriele La Porta

Lo strepitare di un passero alle gronde
La luna che risplende e il cielo latteo,
E l’armonia solenne delle foglie avevano
Cancellato l’immagine e il grido dell’uomo.

Una fanciulla sorse con le rosse labbra
Dolorose e sembrò la grandezza
Di tutto il mondo in lacrime,
Dannata come Ulisse, le navi infaticabili, fiera
Come Priamo assassinato insieme alla sua gente;

Sorse, e all’istante le gronde clamorose, e la luna
Che arrampicava sopra un cielo vuoto, e tutto
Quel lamento di foglie non poterono
Che ricomporre l’immagine e il grido dell’uomo.

William Butler Yeats

View original post

Pubblicato in Il senso della vita | Lascia un commento

Dhammapada

Pochi sono coloro che arrivano all’altra sponda.
La maggior parte degli uomini
si agita su e giù lungo questa sponda.

versi 85:
http://www.zentao.org/wp-content/uploads/2012/01/dhammapada-la-giusta-via-web-ebook.pdf

Dhamma_Cakra_(red).svg

Pubblicato in Il senso della vita | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento

*

Fosti luce – la prima luce –
una luce che porta la nascita del primo respiro,
la visione del mondo,
di un sorriso infinito.

Fosti gli dei ed il cielo
per chi solo sa volare.
Nessun uomo ha le ali, ma io, quel giorno, volai tutte le stelle
e divenni cielo e terra.

Sei un dio per me, un dio che fa nascere e che fa morire.

Pubblicato in amore, dono, Il senso della vita | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento